Nel suo nido di roccia sotto la sommità del Monte Rosa, a 4.552 metri di altitudine sopra il livello del mare, il rifugio Capanna Margherita ospita la biblioteca più alta d'Europa. Creata nel 2004 e gestita dal CAI Varallo, la biblioteca consente a migliaia di alpinisti che sostano al rifugio di rifocillare anche la mente, oltre ai muscoli indolenziti dopo intense ore di scalata e concentrazione. L'edificio prende il nome dalla regina italiana che, nell’agosto del 1893, affrontò la scalata verso la Capanna in solitaria, ed era già considerato un miracolo di ingegneria e architettura al momento della sua inaugurazione, nella seconda metà dell'Ottocento; oggi, ben provvista di connessione wifi e cinque nuovi Kindle Paperwhite donati da Amazon, la biblioteca della Capanna è entrata nell'era digitale.

“Da oggi anche dal rifugio più elevato d'Europa sarà possibile scegliere la propria lettura preferita”
Giulia Poli

Per Amazon si è trattato di una consegna davvero eccezionale: questa volta i Paperwhite sono stati portati da un'avventurosa spedizione di impiegati dell’azienda che non hanno esitato ad attraversare un ghiacciaio, affrontare una notte di tormenta e percorrere l'equivalente di circa 1.000 metri in verticale (in tre ore, come tengono orgogliosamente a sottolineare gli interessati) per portare a termine l'impresa. Tra ramponi, piccozze e corde, la scalata ha impegnato due cordate di amazoniani e tre guide alpine.

“Il progetto ci ha appassionati al punto che abbiamo deciso di consegnare personalmente i Kindle”, racconta Giulia Poli, Head of Kindle Content per Amazon Italia e una delle partecipanti all’impresa. Anche Roy Perticucci, vice presidente Operations in Europa, si è dimostrato entusiasta dell'iniziativa: “Quando ho ricevuto da parte dei colleghi italiani l'invito a far parte di questa cordata speciale, non ho saputo dire di no. La montagna porta con sé dei valori che noi applichiamo ogni giorno sul posto di lavoro, tra cui fiducia nei colleghi e la determinazione nel raggiungimento degli obiettivi.”

Giulia spiega: “Da oggi anche dal rifugio più elevato d'Europa sarà possibile scegliere la propria lettura preferita, scaricando immediatamente il titolo scelto tra oltre quattro milioni di titoli disponibili su Amazon.” Volumi digitali disponibili in tempo reale e in tutte le lingue - un dettaglio fondamentale dato che, come spiega Michele Cucchi, “quassù arrivano alpinisti da tutto il mondo”. Secondo Michele, guida alpina esperta, trascorrere una notte nel rifugio d'alta quota godendosi il silenzio e consultando un libro (magari proprio sulle meraviglie della montagna) è uno dei piaceri più segreti di una scalata al Monte Rosa.