Spesso per produrre la scintilla che accende la passione per la lettura è necessario stimolare la curiosità dei ragazzi per gli universi nascosti fra le pagine di un libro. Ma se è vero che i giovani di oggi sono i nativi digitali, perché non giocare con le possibilità offerte dalle nuove tecnologie come i lettori di eBook?

Detto, fatto. Gli studenti delle classi 1F dell'Istituto Narcisi di Milano e 4D della scuola elementare Pezzani di Piacenza si sono visti recapitare una consegna "straordinaria" dal Centro di Distribuzione Amazon di Castel San Giovanni (PC): un carico di eReaders Kindle Paperwhite.

“Avere a disposizione dei Kindle su cui caricare i libri scolastici in un momento di mancanza di fondi pubblici è come ricevere un regalo di Natale fuori stagione”
Giovanni Tiberi

Ogni ragazzo ha ricevuto in dono un lettore che gli consentirà di accedere a libri e contenuti scolastici. Ma non solo. Gli studenti potranno salvare sottolineature e annotazioni, accedere a dizionari multilingue e condividere le proprie letture con gli amici tramite Facebook e Twitter. Gli eReader serviranno inoltre per supportare lo sviluppo di progetti didattici ad hoc per studenti con disabilità e bisogni educativi speciali.

Una consegna speciale

Per le scuole si tratta di un'occasione per innovare gli strumenti della didattica ed avvicinare i giovani ai libri grazie al richiamo irresistibile della tecnologia dei tablet. "Avere a disposizione dei Kindle su cui caricare i libri scolastici è come ricevere un regalo di Natale fuori stagione", ha commentato Giovanni Tiberi, preside della scuola Pezzani. I lettori sono stati consegnati ai ragazzi della scuola elementare e della secondaria rispettivamente da Tareq Rajjal, Presidente e Amministratore Delegato di Amazon Italia Logistica Srl, e da Giulia Poli, responsabile Kindle Content per Amazon Italia Services Srl, nel corso di due diversi eventi.

"Nel nostro lavoro non capita spesso di venire nelle scuole e incontrare ragazzi così giovani. Vederli così entusiasti di ricevere i nostri Kindle mi rende orgoglioso di ciò che facciamo ogni giorno", ha detto Tareq. "Gli studenti erano davvero gioiosi dell'inizio di questa nuova esperienza di lettura", racconta invece Giulia: "Ci siamo incontrati nella loro bellissima biblioteca, dove ci sono bacheche in cui gli studenti scrivono post-it e si consigliano i libri a vicenda. D'ora in avanti grazie ai Kindle potranno anche condividere tra loro le frasi che li colpiscono maggiormente. Sono convinta che la possibilità di condividere le proprie letture con i compagni anche tramite i social media avrà un ruolo fondamentale nel diffondere il piacere della lettura fra i ragazzi".

A Milano la consegna è stata accompagnata da un mini concorso di scrittura indetto dagli insegnanti che ha coinvolto tutti i ragazzi della classe. Un invito per tutti gli aspiranti autori in erba e un modo per capire che, con i nuovi strumenti, l'avventura si può trovare sia davanti sia dietro allo schermo – come Alice oltre lo specchio.