Amazon ha da sempre dimostrato un notevole impegno nei confronti della sostenibilità attraverso programmi all’avanguardia come il Frustration Free Packaging, Ship in Own Container, la nostra rete di parchi eolici e fotovoltaici, gli impianti fotovoltaici installati sui tetti dei nostri centri di distribuzione, investimenti nell’economia circolare con il Closed Loop Fund e numerose altre iniziative. Solo nelle Operations oltre 200 scienziati, ingegneri e designer di prodotto sono dedicati esclusivamente all’ideazione di nuovi modi per rafforzare il nostro impegno nei confronti dei clienti e del pianeta.

Amazon si è posta un obiettivo nel lungo termine, quello di usare solo energia al 100% rinnovabile per alimentare la nostra infrastruttura globale, e stiamo facendo enormi passi avanti in questo senso. Grazie all’introduzione di veicoli elettrici, biocarburanti nel trasporto aereo ed all’utilizzo di imballaggi riutilizzabili e di energia rinnovabile, per la prima volta possiamo percorrere un cammino verso un tipo di consegna a zero emissioni. Inoltre, stiamo fissando un obiettivo ambizioso per l’azienda stessa: abbattere del 50% le emissioni di CO2 prodotte dalle nostre consegne entro il 2030. Questo è il progetto “Shipment Zero” e non sarà facile raggiungere questo obiettivo, ma vale la pena rimanere concentrati e focalizzati su questa visione impegnandoci per vederla realizzata.

“Nei prossimi due anni svilupperemo un modello scientifico avanzato ed accurato di mappatura del nostro impatto ambientale”

Non faremo tutto questo da soli. Continueremo ad usare il nostro modello e i feedback che i nostri clienti condividono con noi per permetterci di ingaggiare ed incoraggiare i fornitori della nostra filiera a tutti i livelli, affinchè anche loro riducano il proprio impatto ambientale, come abbiamo già fatto attraverso altri programmi quali Ship In Own Container e Frustration Free Packaging.

Per monitorare i nostri progressi lungo questo percorso e come parte di un impegno più grande di condivisione dei nostri obiettivi di sostenibilità, abbiamo programmato di diffondere obiettivi, programmi e dati sulle emissioni di CO2 di Amazon entro la fine dell’anno. Questa iniziativa segue un progetto più ampio per sviluppare, nei prossimi due anni, un modello scientifico avanzato ed accurato di mappatura del nostro impatto ambientale: in questo modo potremo fornire ai nostri business team informazioni dettagliate che possano supportarli nell’individuazione di nuovi modi per ridurre le emissioni relative alle loro attività. I clienti vorranno un’offerta sempre più ampia, consegne più veloci, e prezzi più bassi.

Crediamo che offrire prezzi più bassi implichi anche abbassare i costi per l’ambiente in cui tutti viviamo e lavoriamo ogni giorno. Vi terremo aggiornati sull’avanzamento del nostro progetto Shipment Zero.