A inizio 2022, Amazon ha annunciato il conseguimento della certificazione Top Employer Italia 2022 per la seconda volta. Il riconoscimento è stato attribuito all’azienda per tutte le sue attività in Italia, comprese quelle legate al customer service di Cagliari, le attività logistiche dei diversi siti del network italiano, i servizi cloud di Amazon Web Services, le attività corporate e retail, ma anche la divisione Alexa dove lavora Chiara Rubagotti, Language Engineer di origini bergamasche ma con un animo internazionale.

Chiara ha sempre avuto una forte passione per le lingue straniere, in particolare l'inglese, e, dopo aver conseguito un dottorato di ricerca in linguistica inglese, ha avuto importanti esperienze lavorative in prestigiose realtà tech, per poi approdare in Amazon.
Chiara è entrata in Amazon nel 2019 quando è stato creato il Centro Ricerca e Sviluppo Alexa a Torino. In Amazon si occupa dell'assistente vocale Alexa, in particolare si concentra sullo sviluppo della NLU (Natural Language Understanding), ovvero la tecnologia che punta sull'elaborazione del linguaggio naturale in intelligenza artificiale per tradurre parole naturali in un formato comprensibile a un computer.

“In Amazon ho potuto accrescere le mie conoscenze dal punto di vista tecnico-scientifico”, spiega Chiara che continua, “lavorare su Alexa mi ha permesso di andare oltre le competenze linguistiche. Ogni giorno posso confrontarmi su competenze di prodotto, customer experience, ma anche intelligenza artificiale e machine learning. Il mio ruolo mi spinge ad imparare sempre cose nuove, operando in un settore in continua evoluzione e questa sensazione è davvero unica”. Chiara ci tiene inoltre a sottolineare le opportunità di formazione che l’azienda offre: “Un aspetto molto importante per la mia crescita interna ad Amazon è la possibilità di frequentare corsi e che sono tenuti da professionisti interni all’azienda”.

Grazie alla costante ossessione per l'innovazione che caratterizza l'approccio al business di Amazon, Chiara ha avuto l'opportunità di specializzarsi in nuove aree con sviluppi AI per Alexa e acquisire nuove competenze tecniche. Infatti, già da tre anni, pur mantenendo lo stesso ruolo di Language Engineer, Chiara trova costantemente nuove sfide e nuovi ambiti di interesse.

“Essere donna nel settore tecnologico, ancora fortemente ad appannaggio maschile, non è mai stato un limite, ma una risorsa da cui attingere. La tecnologia è innovazione e l’innovazione è per tutti: per questo in Amazon il valore della diversità è fondamentale”

“C'è ancora molta strada da fare per la piena parità di genere nel mio settore, ma la strada è ben tracciata e questo mi spinge a dare sempre di più, oltre il massimo, perché sento la responsabilità di rappresentare tutte le donne”.

Come donna nella tecnologia, Chiara sostiene l'empowerment delle giovani donne in questo campo. Da anni Amazon, e più nello specifico Amazon Web Services (AWS), è impegnata in un programma di formazione per supportare l'introduzione delle discipline STEM nelle scuole con grande attenzione al mondo delle studentesse, chiamato AWS GetIT. Chiara è una delle AWS Ambassador coinvolte e si impegna a tenere lezioni nelle classi seconde con l'obiettivo propedeutico di avvicinare le materie scientifiche ai giovani studenti, rivolgendosi in particolare alle future giovani professioniste.

«Amazon – spiega - è una realtà molto innovativa dal punto di vista tecnologico, dove si esalta la diversità delle competenze. Mi ritengo molto fortunata a lavorare in un'azienda così prestigiosa e ne sono orgogliosa, come persona e come donna. So infatti di trovarmi in un contesto privilegiato rispetto ad altri, perché Amazon ha un occhio di riguardo per lo sviluppo del lavoro delle donne. Lo dimostra il programma di cui sono Ambassador: ci ha portato nelle scuole medie italiane per sottolineare quanto sia importantissimo il contributo delle donne nella tecnologia. Le donne hanno sempre lavorato nella tecnologia, ma spesso sono rimaste in secondo piano e con questa nuova iniziativa vogliamo far sì che acquisiscano una nuova centralità in questo settore".